Un poeta che molto probabilmente non ti aspetti-

Il compiano Luciano De Crescenzo, un napoletano che ben conosce la cultura della sua città, ebbe a dire di Totò: “Che egli incarnava tre personaggi abissalmente diversi: il comico, il principe e il poeta.” Ma Totò ha dato vita (come nessun altro attore) a due tipi di “mamo”: quello teatrale e quello cinematografico. Fellini disse così del principe: “Chi non ha mai visto e sentito Totò a teatro, non può immaginare che spettacolo abbia perduto.” Fellini, disse anche del Principe De Curtis: “di un attore dal fascino inquietante, da creatura extra terrestre, da spiritello lunare, da manifestazione di seduta spiritica.” L’arte di Totò, definita “surrealista” da alcuni, venne spiegata acutamente, com’era da par suo, dal grande Vittorio Gassman: “Un musicista che suona se stesso, con il corpo, il viso, la voce, i gesti, ma vive  in pubblico, vive e muore per il pubblico. E’ arcinoto tra l’altro, come per gran parte dei grandi comici, che Totò sia stato nel suo “privato” un uomo sereno e malinconico. Totò, il mio amico Totò, ho avuto modo di apprezzarlo per i suoi 114  film da lui interpretati, e da me visti in una rassegna a lui dedicata, nella metà degli anni Settanta, al cinema Italia, il solito cinema di via del Biscione, di fronte a dove abitavamo a quel tempo. Come nello scrivere testi di canzoni, di poesie, pur parlando un italiano impeccabile, da poeta scriveva in dialetto, perché l’educazione sentimentale scaturiva dalle esperienze dei grandi poeti del golfo, come Salvatore Di Giacomo. Possono essere professori, intellettuali, ma l’amore, la gelosia, la nostalgia, la malinconia, in sostanza tutte le passioni, le devono esprimere in dialetto, che di per sé è una lingua, una musica.

Le riflessioni sulle esperienze da lui vissute, una vita movimentata, il ricordo di Napoli della sua infanzia, della gente, dei personaggi conosciuti nei vicoli della sua città. Tra quella gente così caratteristica, venne folgorato da un’intuizione e prese spunto da un personaggio particolare, pur nel rivestire il ruolo tragico del becchino che, nel dialetto partenopeo viene chiamato lo “schiattamuorto.” La poesia A’ Livella, diviene quindi un omaggio sereno alla eguaglianza di fronte alla grettezza e alla boria del gentiluomo che deplora la confusione di chi lo ha sepolto accanto ad uno “scupatore” uno spazzino.

Ogn’anno, il due novembre, c’è l’usanza

per i defunti andare al Cimitero .

Ogn’anno Il’adda fà chesta crianza;

ognuno a da tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,

di questa triste e mesta ricorrenza,

anch’io ci vado, e con dei fiori adorno

il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’è capitata ‘n’avventura …

dopo di aver compiuto il triste omaggio

(Madonna!), si ce penzo, che paura!

ma po’ facette un’anema ‘e curaggio.

O fatto è chisto, statemi a sentire:

s’avvicenava Il’ora  d” a chiusura:

io, tomo tomo, stavo per uscire

buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese

Signore di Rovigo e di Belluno

Ardimentoso eroe di mille imprese

Morto L’11 maggio del’31.”

‘O stemma cu’ a curona ‘ncoppa a tutto…

… sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;

tre mazze ‘e rosecu ‘na lista’e lutto:

cannelle, cannelotto e sei lumini.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore

nce steva n’ata tomba piccerella,

abbandunata, senza manco un fiore;

pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena si liggeva:

“ESPOSITO GENNARO NETTURBINO”.

Guardannola, che ppena me faceva

stu muorto senza manco nu lumino.

Questa è la vita! ‘Ncapo a me penzavo…

chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!

Stu povero maronna s’aspettava

ca pure all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,

s’era ggià fatta quase mezzanotte,

e i’ rummanette ‘nchiuso priggiuniero,

muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu trattoi, che veco ‘a luntano?

Dodoje ombre avvicenarsi ‘a parte mia…

Penzaje; stu fatto a me mme pare strano…

Stongo scetato … dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:

c”o tubbo, ‘a caramella e c”’o pastrano;

chill’ato appriesso a isso un brutto arnese:

tutto fetente e cu’ na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…

‘o muorto poverello … ‘o scupatore.

‘Int’ a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:

so’ muorte e se retiremo a chest’ora?

Putevano stà ‘a me quase ‘nu palmo,

quando ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,

s’avota e, tomo tomo… calmo calmo,

dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

Da voi vorrei saper, vile carogna,

con quale ardire e come avete osato

di farvi seppellir, per mia vergogna,

accanto a me che sono un blasonato?!

La casta è casta e va, sì, rispettata,

ma voi perdeste il senno e la misura;

la vostra salma, sì, inumata;

ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso

la vostra vicinanza puzzolente.

Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso

tra i vostri pari, tra la vostra gente”.

“Signor Marchese, nun è colpa mia,

i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto;

mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,

i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Se fosse vivo ve farrie cuntento,

pigliasse ‘a casciuella cu ‘e qquatt’osse,

e proprio mo, obbj’… ‘nd a stu mumento

mme ne traesse dinto a n’ata fossa.”

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,

che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?

Se io non fossi stato un titolato

avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé.. piglia sta violenza…

‘A verità Marché , mme so’ scucciato

‘e te sentì; e si perdo ‘a pacienza,

mme scordo ca so’ muorto e so’ mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?

Ccà dinto, ‘o vvuò capì, ca simmo eguale?…

…Muorto sì’ tu e muorto so’ pur’io;

ognuno comme a ‘n’ato è tale e qquale.”

“Lurido porco!… Come ti permetti

paragonarti a me ch’ebbi natali

illustri, nobilissimi e perfetti,

da far invidia a Principi Reali?”

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!

T”o vvuò mettere ‘ncapo… ‘int”a cervella

che staje malato ancora ‘e fantasia?…

A morte ‘o ssaje ched’è?… è una livella.

Nu rre, nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,

trasenno stu canciello ha fatt”o punto

c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme

tu nun t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssentì… nun fa’ ‘o restivo,

suppuorteme vicino che te ‘mporta?

Sti ppagliacciate ‘e ffanno suolo ‘e vive:

muje siammo serie… appertenimmo a morte!”