26/06/2022 0 di Luciano Giovannetti

Viola. Il destino di un amore Prefazione Tuttavia l’esistenza umana, nella sua cruda spietatezza, rimane pur sempre drammaticamente la stessa; si finisce con abituarsi alla vita, al fluire inarrestabile delle cose e si finisce come tante cozze incollate allo scoglio. Il tempo ha straordinarie capacità taumaturgiche, guarisce, lenisce, risana, anche le più profonde ferite. Persino se corrompe e ottenebra la mente, il tempo sfoglia le pagine della vita e a volte le riscrive completamente. Non cancella, non butta via niente, tutto resta inesorabilmente scritto nel diario della mente, non usa un inchiostro simpatico, il tempo. Viola, una donna dal fascino naturale e misterioso. Viola, madre premurosa e moglie devota. Viola, una donna complessa a cui la vita ha spesso giocato brutti scherzi. Sarebbe impossibile affermare che la protagonista di Viola. Il destino di un amore non abbia una personalità sfaccettata, multicolore e profondamente articolata. È proprio grazie a queste sue caratteristiche, al suo fare così intrigante e affettuoso che Viola entra subito nel cuore dei lettori che lottano al suo fianco affinché le venga resa giustizia. Come tutti, Viola ha accumulato una serie di sbagli nella vita, sbagli che si sono tradotti in fardelli enormi con cui è quasi impossibile convivere. Per superarli, ha fatto prova di grande coraggio e audacia, eppure lei per prima sa che i tormenti del passato non possono essere nascosti da nessuna parte e che prima o poi è necessario affrontarli.

Viola. Il destino di un amore   Prefazione Tuttavia l’esistenza umana, nella sua cruda spietatezza, rimane pur sempre drammaticamente la…